Alessandro Brusa

D’uso io annuso l’aria che tira
perchè sono l’emozione grezza
che non capirai mai
ed è per me che avrai
salva la vita

 

Follow us

Search

Dicono di me
  -  Dicono di me

Alessandro Brusa, In tagli ripidi (nel corpo che abitiamo in punta), Giulio Perrone editore, 2017   In his new book, published almost four years after the first poetry collection La raccolata del sale, Alessandro Brusa continues his research through words, exploring his own existence as a human being on a universal level and the variety of the human relationships, the equilibrium and the contrasts that

Con piacere condivido la prima recensione al mio ultimo libro apparsa sul n.43 della bellissima rivista "Illustrati" a firma di Francesca Del Moro. Alessandro Brusa, In tagli ripidi (nel corpo che abitiamo in punta), Giulio Perrone editore, 2017 In questo nuovo libro, uscito a circa quattro anni dal primo volume di poesia, La raccolta del sale, Alessandro Brusa porta avanti il suo percorso di ricerca

Amici romani sono lieto di presentarvi il mio weekend tour romano! Il 12 ed il 13 novembre p.v. sarò infatti a Roma per due eventi molto diversi cui tengo moltissimo e spero di potervi incontrare tutti! Sabato 12 alle ore 19:00 sarò presso la nuova sede di Perrone Editore in via Giovanni da Procida 30/32 a presentare Centrale di Transito (ceci n'est pas une anthologie)

È con grande piacere che vi presento il secondo assaggio (il primo furono alcuni testi usciti sulla rivista americana di poesia ASSARACUS di Sibling Rivalry Press) dalla mia prossima silloge poetica "Intagli ripidi (nel corpo che abitiamo in punta)" in uscita con Giulio Perrone Editore il prossimo settembre. Inizialmente immaginati come una serie di intermezzi tra una sezione e l'altra, questo gruppo di testi ha

With such a pornographic and definitely not serious title, I am finally presenting you my first "release" in the United States. I am extremely proud to see my poetry featured in  "ASSARACUS", the literary review voted as "Best New Magazine" in 2012 by the "Literary Journal" and, being part of the Sibling Rivalry Press production, recently inducted into the Rare Books and Special Collections Vault at the

Anche la rivista francese "Terre à Ciel" mi ha fatto l'onore di ospitare alcune mie poesie tratte da "La Raccolta del Sale" (Giulio Perrone Editore) e tradotte dalla bravissima Silvia Guzzi. Visualizza qui l'articolo. Note de lecture sur La Raccolta del Sale, par Guido Selvatici, parue en italien dans la revue italienne « La Piè » (mars 2014) – note de lecture inédite en français, traduite par Silvia

[intro]Silvia Guzzi e Fabio Michieli su "La raccolta del sale"[/intro] Il sale come cura per il tempo: sia quello passato, sia quello prossimo; perché il sale cicatrizza, il sale condanna, ma pure conserva ciò che è bene portare con sé nel futuro, o quanto meno nel presente quotidiano. Sicché è l’esperienza di vita a essere messa sotto sale e proiettata nel domani. E racco­gliere il sale è un’arte, come lo è la poesia (senza retorica).